Terme di Caracalla a Roma

Terme di Caracalla, una delle sette meraviglie di Roma

Il centro benessere al tempo degli antichi romani. Ora ospita anche l'opera e balletto.

Presso le Terme di Caracalla, a Roma, gli antichi romani si dedicavano alla cura del corpo, in un complesso monumentale formato da piscine, palestre, sale in cui conversare e biblioteche. Oggi, oltre a poter visitare i resti della struttura, nell’area circostante alle Terme di Caracalla puoi assistere a concerti e spettacoli teatrali all’aperto.
Le Terme di Caracalla: un ambiente per il relax e la cura di sé
Le Terme di Caracalla, anche conosciute come Terme Antoniane, sono state realizzate tra il 212 e il 216 d.C. Sono rimaste in funzione fino al 537 d.C., quando il re degli Ostrogoti Vitige, uscito vincitore della guerra contro l’esercito romano, decise di interrompere il collegamento con l’acquedotto dell’Acqua Marcia che alimentava il complesso termale. La pianta delle Terme di Caracalla è molto simile a quella delle Terme di Traiano, prese ad esempio per la realizzazione di altri complessi di epoca imperiale. L’opera era pensata per offrire agli abitanti della città un ambiente piacevole in cui dedicarsi alla cura del corpo e dello spirito. All’interno della struttura si possono visitare ancora oggi gli ambienti principali dei bagni pubblici romani: la natatio, la grande piscina centrale; il frigidarium, il tepidarium e il calidarium, riempiti rispettivamente con acqua fredda, tiepida e calda. Le vasche erano riscaldate attraverso un articolato sistema alimentato dalle fornaci sotterranee, mantenute in funzione dagli schiavi.Oltre agli ambienti acquatici, il complesso termale era formato da palestre, spogliatoi, giardini e sale per la lettura. In questi spazi i romani trascorrevano la loro giornata, facendo sport, chiacchierando o leggendo. La bellezza della struttura era tale che le Terme di Caracalla sono considerate una delle sette meraviglie della Roma antica. Gli ambienti delle terme erano decorati con mosaici, sculture, stucchi, colonne in marmo e granito. Molte di queste decorazioni sono state portate via, alcune sono state distrutte, di altre si sono perse le tracce. Tra i reperti conservati ci sono mosaici e alcune vasche, visibili presso i Musei Vaticani;le sculture Farnese, trasferite a Napoli e in mostra presso il Museo archeologico nazionale della città; una delle colonne che circondavano la natatio, trasferita a Firenze e posta al centro della piazza Santa Trinità.
Informazioni utili per organizzare la visita alle Terme di Caracalla
L’orario di apertura delle Terme di Caracalla è diverso a seconda dei periodi dell’anno. L’ingresso è possibile dalle 9, mentre l’ultimo accesso nel periodo che va tra l’ultima domenica di marzo e il 31 agosto è alle 18:30. Nel resto dell’anno l’orario per l’ultimo ingresso varia tra le 15:30 e le 18:00. Sebbene sia possibile visitare le Terme di Caracalla durante tutto l’anno, ti consigliamo di farlo nel periodo estivo: innanzitutto perché l’orario di visita è prolungato e poi perché puoi assistere a uno dei tanti eventi e spettacoli all’aperto. Il complesso delle Terme di Caracalla era stato realizzato in una zona a sud di Roma, all’esterno dell’antica Porta Capena. I resti delle terme oggi si trovano a poca distanza dal Circo Massimo. Puoi raggiungere entrambi in metro, scendendo alla fermata Circo Massimo (linea B) oppure in autobus (linee 760 e 628). Scopri tutte le proposte Mercure per soggiornare a Roma. Scegli un hotel in centro e goditi tutte le bellezze della città eterna.

Hotel in centro a Roma
Week end romantico a Roma
Vacanza romantica per le nozze a Roma
Week end romantico a Firenze
Vacanza romantica a Nizza
Week end romantico a Venezia
Viaggio romantico a Siracusa



Condividere per Email Condividere su Twitter Condividere su Facebook
ody> -center"> Scopri di più

Hotel nelle vicinanze